Giardino, serra, tennis- Villa Il Palagio, Fiesole (Firenze)

La villa è ubicata alle pendici del Montececeri vicino a Maiano un luogo carico di storia: da qui Leonardo da Vinci collaudò nel 1506 la sua “macchina da volo” e dalle cave fin dal Medioevo si estraeva la pietra serena che caratterizza molti palazzi fiorentini. L’area fu rimboschita nel 1929 dal Corpo Forestale per ripristinare la naturalità dei luoghi alterata dalla secolare attività estrattiva.
L’edificio che anticamente fu un palagio turrito fu acquistata nel 1938 dal noto stilista Salvatore Ferragamo. La villa protetta a nord dal bosco si affaccia sul meraviglioso panorama di oliveti, di giardini delle ville circostanti (Castello di Vincigliata, Villa di Maiano, ecc.) e della città di Firenze.

Porcinai viene incaricato negli anni 1959-1961 della sistemazione del giardino intorno alla villa dopo l’intervento di ampliamento della terrazza principale progettata dal designer Prof.Maurizio Tempestini ; in particolare si occupa della sistemazione del vialetto di accesso, della scelta delle piantagioni che costeggiano la strada, della progettazione della serra ubicata sotto la terrazza principale, delle piantagioni intorno alla villa. Successivamente (1963-1968) progetta il tennis ed i giardini di una dependance e di una colonica sottostante la strada che è circondata da campi da olivi nonché gli impianti di irrigazione e di illuminazione.
Il desiderio di bellezza ed armonia del luogo sembra aver suggerito al Paesaggista la scelta delle piantagioni che è accuratissimo, dimostrato dalla vastissima varietà di piante arboree ( Catalpa bignonoides, Liriodendron tulipifera, Albizzia julibrissin, Cercidiphillum japonicum, Magnolia loebneri, Pterostyrax hispida, Malus hillieri, Prunus japonica rosea plena, Prunus purpurea japonica Woodii, Prunus sinesis, alba , Quercus ilex, ecc.) , arbustive (Oleandri, Ceanothus, spiree, Teucrium, eleagni, corbezzoli, melograni,Myrsina africana, allori, ecc ) , e sopratutto di fioriture, rampicanti e piante tappezzanti (Aster pappei, Agathaea,Dianthus, Ficus repens,Lantana sellowiana, Plumbago larpentae, Convolvolus cneorum, Giaillardia, Rosai poly.,Sedum,ecc.).
La sig.ra Wanda Ferragamo che con grande impegno e capacità ha continuato l’opera del marito, da grande appassionata di piante è riuscita a mantenere nel tempo la bellezza del giardino.

(Foto: © Paola Porcinai)

Back