Giardino privato, Lago di Como

La villa fu costruita negli anni venti e ristrutturata una quarantina di anni fa, per il nuovo proprietario, dagli architetti Luigi Caccia Dominioni e Renzo Mari.

L’edificio trovandosi su un ripido pendio, in vista del lago, non aveva spazio anteriore su cui espandersi; il paesaggio viene trasformato da Porcinai con la realizzazione di un ampio prato dinanzi alla facciata principale della villa che diventa un belvedere sul lago, grazie ad una struttura a doppia altezza:la prima soletta a prato è sorretta da una serie di pilastri in cemento armato, la seconda poggia su arcate di pietra ; sotto la struttura sono ricavati gli spogliatoi della piscina ed un’ampia area a loggiato.
Al lato del prato viene realizzata la piscina e la passeggiata che poggia su una soletta di cemento armato . I muri di sostegno sono mimetizzati da folte siepi o da rampicanti sempreverdi.La parte alta del giardino è costituita da una zona prevalentemente boschiva e scoscesa, mentre nella parte bassa si sviluppano, alternati ad aree verdi, il campo da tennis e le serre.
Il giardino si caratterizza oltrechè per gli interventi di trasformazione del paesaggio per le macchie di colore. Con il caldo primaverile nel giardino sbocciano le azalee dall’intenso color rosa che contrastano con i cespugli gialli di azalee mollis. A bilanciare la prospettiva i candidi tronchi di betulle. Ancora cespugli di azalee e basse conifere fanno da sfondo alla siepe che cinge la piscina, il cui fondo di un intenso blu, crea un sapiente contrasto cromatico con il verde circostante. In autunno sono invece i rossi e i gialli della vite americana che avvolge completamente le mura della villa a dare note di colore al giardino.
Anche gli alberi assumono una personalità e propria caratteristica. Ad esempio due platani con inconsuete ramificazioni, sapientemente potati, arginano visivamente la prospettiva sfuggente del prato . Cespugli e siepi modulano inoltre gli spazi del lungo viale di accesso alla villa.
Numerose le varietà e considerevoli le quantità di alberi (Acer campestre, A. saccharinum, Arbustus unedo, Carpinus betulus, Catalpa bignonoides, Cupressus sempervirens, Cornus mas, Fraxinus excelsa, F. ornus, Juniperus communis hornibroockii, Junip. horizontalis var. Junip sab. tamaricifolia,Ligustrum japonicum,Liquidambar styraciflua, Liriodendron tulipifera, Pawlonia tomentosa, Quercus ilex, Q. americana, Sorbus aucuparia,Taxus baccata, Alberi da frutto, ecc.), arbusti ( collezioni di azalee, camellie, rododendri, Hydrangea, Lonicera pileata, Hypericum patulum henryi, H. calicinum, ecc.), piante erbacee perenni e annuali (Achillea aurea, Althea rosea, Aquilegia hybr., Astilbe arendsi diamant, Convolvulus cneorum, C. mauritanicus, Heliantemum alpina, Helleborus niger, Impatiens, Lobelia erinus, Lonicera pileata, Matricaria caucasica, Petunia nana, Plumbago wilmottianum,Knifofia cultorum, Syringa vulgaris var. , Spiraea, Verbena hybr.,Skimmia japonica, ecc.)_, piante tappezzanti ( Sarcocca humilis, Lamium, Pachysandra, ecc. ).

Back