Pietro porcinai - Archivio

L’ archivio Pietro Porcinai è custodito in una delle limonaie-studio progettate da Pietro Porcinai nel parco di Villa Rondinellli a San Domenico, Fiesole – Firenze, ambiente particolarmente suggestivo ed indicativo di un rapporto con la natura che è stato il filo conduttore del suo lavoro.
Esso rappresenta un patrimonio importante sia dal punto di vista documentario che culturale, per questo la famiglia Porcinai lo gestisce e lo tutela direttamente e senza alcun sostegno economico da oltre 25 anni.
Consapevole dell’importanza di conservarlo e ordinarlo per far conoscere meglio i lavori del famoso paesaggista fiorentino, e per tutelare o restaurare le sue realizzazioni, la Famiglia Porcinai intende realizzare la digitalizzazione di tutta la documentazione custodita in archivio.
Al momento esiste la schedatura di 1.318 progetti, eseguita da ex-impiegati dello Studio Porcinai, dei libri e delle riviste.
Le pubblicazioni riguardano l’architettura del paesaggio, i giardini di varie nazioni, l’arte, le bibliografie d’artisti, ma anche la botanica, la storia, la filosofia, le scienze sociali . Numerose sono le riviste (italiane e straniere) di architettura, architettura del paesaggio.
Nell’archivio sono poi custoditi relazioni, testi di conferenze e discorsi di Pietro Porcinai, una raccolta di articoli di stampa e lettere ordinate secondo la pratica di riferimento.
Il 24/11/1997 l’archivio, è stato vincolato dalla Sovrintendenza Archivistica della Toscana con provvedimento n. 706.

ACCESSIBILITA’

L’archivio è oggetto di visita da parte di numerosi studenti, professionisti, studiosi, italiani e stranieri. Accessibile su appuntamento, previa motivata richiesta indirizzata alla famiglia Porcinai e alla Soprintendenza Archivistica per la Toscana.

DIRITTI D’AUTORE

I diritti d’autore o copyright dei documenti facenti parte del patrimonio archivistico Porcinai appartengono ai proprietari di tale patrimonio che concedono i diritti di riproduzione non esclusivi.
In nessun caso il materiale archivistico può essere utilizzato per finalità diverse da quelle di studio, di ricerca o di uso esclusivamente personale.
Ogni documento, foto o altro materiale documentale può essere utilizzato una sola volta per un solo prodotto editoriale e non (cartaceo o elettronico). Si esclude che il documento una volta riprodotto possa essere distribuito o riutilizzato senza previa autorizzazione dei proprietari.
L’utente si impegna a citare, accanto ad ogni documento, fotografia, ecc. riprodotto e/o pubblicato  l’autore e i proprietari del patrimonio archivistico che ne hanno concesso la riproduzione e la pubblicazione.
L’utente si impegna ad utilizzare il documento, foto o altro materiale documentale nel rispetto dell’opera d’arte e nel rispetto delle didascalie e risponderà di eventuali conseguenze morali e/o economiche derivanti da un uso improprio del materiale o che rechi danno all’opera o al suo contesto.  

ARCHIVIO E ASSOCIAZIONE PORCINAI. NOTA DI PRECISAZIONE.
Poichè sono state rilevate inesattezze e informazioni non corrispondenti a verità in merito alla proprietà dell’archivio, si precisa che esso appartiene agli Eredi e non all’ Associazione Pietro Porcinai: i soci sono tenuti quindi al rispetto del regolamento archivistico e della normativa sul diritto d’autore.